Una recente indagine condotta negli USA tra gli avvocati divorzisti ha evidenziato come il ricorso a evidenze recuperate in social networks di varia natura, stia diventando una delle evidenze portate da uno dei due coniugi per procedere con la terminazione del legame matrimoniale. Inutile dirlo, è Facebook ha detenere il primato come fonte di evidenze per cause di divorzio con un ragguardevole 66%, seguito a distanza da MySpace e Twitter. Insomma, scrivere messaggi sdolcinati o carinerie varie in un ambiente pubblico non è particolarmente intelligente sapendo che tutto quello che compare su una pagina Web è poi abbastanza facilmente oggetto di ricerche e analisi. Soprattutto in contesti come quelli dei social network dove il termine “amico” assume un significato contorto e confondendosi spesso con “generico contatto”. E si sa, ci si può fidare solo dei veri amici. In uno spazio virtuale spesso caratterizzato da identità non confermate, meglio dubitare e assumere un basso profilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu