Risultati piatti nell’ultimo trimestre al New York Times. In tempi duri, flat is the new up come si dice da qualche tempo a questa parte. Il calo del 6.1% della raccolta pubblicitaria sull’edizione cartacea è compensato da un incremento consistente delle entrate digitali (+21.2%) con una contribuzione complessiva pari al 26% rispetto al fatturato globale dell’azienda. Per ogni dollaro incassato, 26 centesimi sono di natura digitale, una proporzione non trascurabile davvero.

1 Commento. Nuovo commento

  • La rivoluzione comincia davvero allora.
    Senti ma tu che ne pensi della narrativa?
    Traduzioni a parte… già con Lulu è possibile pubblicare on-demand, ma chiaramente la diffusione digitale elimina i tempi di attesa a potrebbe introdurre modelli di diffusione a basso costo, un po’ come le applicazioni per l’Apple Store… sinceramente non saprei azzardare previsioni, ma un romanzo di cui puoi leggere i primi 3 capitoli gratis e gli altri a 0,99 euro… chissà…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu