Anche per il Washington Post i conti migliorano sensibilmente grazie agli introiti provenienti dalla vendita di pubblicità digitale. I primi sei mesi del 2010 hanno visto il fatturato della divisione quotidiani essenzialmente piatto rispetto al 2009 ($328.5M rispetto a $329.7) con dinamiche variabili però tra la raccolta pubblicitaria cartacea (-6% nel secondo trimestre) e quella digitale (+14% sempre in Q2) che ha raggiunto $50.6M nel primo semestre dell’anno. In calo del 10% mediamente la circulation del giornale, a conferma di un’emorragia continua sul lato diffusionale come tendenza di fondo di questi ultimi anni. Nel complesso quindi il giornale riesce a estrarre la stessa quantità di valore da un numero minore di copie e di lettori grazie al continuo incremento delle entrate in pubblicità digitale, soprattutto display advertising (+20% rispetto allo scorso anno).

Il risultato del Post conferma quindi la tendenza da parte dei quotidiani USA a saper gestire questa fase di transizione del proprio business in modo abbastanza controllato grazie a una riduzione dei costi (-26% nel primo semestre) e a fatturati digitali in crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu