Dopo un paio di tentativi abortiti con tablet Android, ormai uso solo ed esclusivamente iPad. Non credo d’essere l’unico a pensarla a questo modo visto che i dati di mercato parlano di una quota intorno al 70% per Apple. Nelle ultime settimane mi sono però reso conto che quando lascio le mura domestiche ho con me inevitabilmente il cellulare e l’iPad. Il primo perché non avrebbe senso fare diversamente, nonostante il mio consumo di monti telefonici mensili sia quasi ridicolo. L’iPad è diventato praticamente indispensabile grazie a una serie di applicazioni che lo hanno reso utile nelle attività di tutti i giorni.
Pages e Keynote sono migliorati dal momento del lancio, ma è la condivisione di documenti da e per Mac a fare la differenza. Al momento visto che Mobile Me è in fase di smantellamento e iCloud non è maturo e completo e abbastanza – mi auguro che già da lunedì sera lo scenario evolutivo di questo servizio si definisca meglio – è DropBox che fa la differenza. Installato su tutti i Mac e gli iPad, rappresenta di fatto una soluzione ponte per trasferire e ricevere documenti di qualsiasi genere e dimensione in modo semplice e conveniente. Ma sarà solo attraverso una maggiore integrazione di iCloud che iPad acquisterà ulteriore rilevanza e utilità come strumento non solo di consultazione, ma anche di produzione di contenuti.
L’altro servizio di cui sono attualmente “innamorato” è Evernote. Accessibile da qualsiasi sistema operativo, è quello che cercavo da tempo per condividere appunti, note e documenti da sviluppare nel tempo anche in collaborazione con altri. Inutile descrivere questo servizio: molto meglio provarlo – è semplicissimo da usare – sul proprio computer e quindi sull’iPad per capire come anche un amante della stilografica come il sottoscritto non possa non optare per una soluzione digitale. Esistono poi dozzine di add-ons al servizio, utili per chi ricerca un’esperienza ancora più sofisticata.
Da ultimo iPhoto, sempre di Apple. Per $4.99 ho acquistato un’app veramente potente che consente di svolgere in locale – sul tablet – molte operazioni di editing fotografico senza dover necessariamente ricorrere al proprio iMac domestico. A contribuire a questa sensazione non solo le funzionalità di questa app, ma anche la qualità risolutiva dello schermo e la migliorate prestazioni del processore A5.
Più o meno in tema, l’app Paper si è di dimostrata una valida soluzione per sketching e rappresentazioni grafiche di vario genere.
Cosa servirebbe d’altro? Oltre al già citato miglioramento o meglio completamento di iCloud, forse un foglio elettronico più snello e veloce.

2 Commenti. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu