[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=SoBrA6Xe-Pg]Il recente annuncio dei nuovi Apple iPod touch è stato supportato da numeri per posizionare il prodotto come una tra le principali piattaforme di gaming in assoluto. In effetti la quantità di titoli disponibili è sorprendentemente elevata e la dimensione del segmento dei casual gamers superiore a quella degli appassionati hardcore.

Portabilità, schermi a risoluzione sempre più definita e processori – sia CPU che unità grafica – con “muscoli” sviluppati gli elementi che fanno di prodotti come PS Vita, il già citato iPod touch e anche gli smartphones di ultima generazione delle credibili e apprezzate alternative alle console video. La sensazione di fondo è che lo spazio per questo genere di prodotti si stia progressivamente riducendo per evidenti motivi:

  • maggiore convenienza e “degrado” qualitativo sempre più contenuto delle soluzioni portatili;
  • continuo calo delle vendite di titoli per console tradizionali quali Xbox e PS3. Nel maggio 2012, il calo nelle vendite di hardware è stato del 39% e di titoli del 32% anno su anno secondo la società di ricerca del settore, NPD. Ancora più rilevante, il numero limitato di console vendute in un mese: 160.000 Xbox e 130.000 PS3 sempre secondo NPD. IN totale Xbox ha venduto circa 70 milioni di pezzi in 7 anni, un buon numero, ma come visto in calo. Questi stessi volumi vengono raggiunti da Apple iPad in un nanosecondo, esagerando solo di poco!
  • posizionamento di questi prodotti come soluzioni di streaming, noleggio e acquisto di video, territori ben presidiati da altre soluzioni e che, tutto sommato, non sembrano ricadere nel DNA nativo di questi apparecchi e di non apportare grande valore incrementale. Per intenderci, una smart TV fa le stesse cose e forse molto meglio;
  • tutte le novità hardware degli ultimi tempi sono concentrate su versioni portabili. L’ultima versione di Xbox risale all’agosto 2010, essenzialmente un restyling del modello base. Il dubbio che sorge è se ci siano gli economics in prospettiva per introdurre dell’hardware totalmente innovativo e se l’interesse dei consumatori vada in quella direzione.

Steve Ballmer, CEO di Microsoft, ha affermato nello scorso weekend che il futuro dell’azienda prevede produzione di hardware oltre che di software e che Xbox più che Windows rappresenterà un driver di crescita. Personalmente sono freddo nei confronti di questa categoria di hardware, riconoscendole come elemento di distinzione e di apprezzamento la risoluzione grafica, prerogativa ormai condivisa (o sufficientemente condivisa) con altre piattaforme di computing. Il video in questo post – un commercial di Sony – illustra in modo divertente uno scenario di gaming sempre più diffuso e apprezzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu