Canon VixiaL’impresa quasi titanica di classificare, sistemare e organizzare l’archivio fotografico e di video familiari ha registrato qualche progresso negli ultimi tempi. Trattasi comunque di iniziativa impossibile che mi espone sempre agli inconvenienti derivanti dall’avanzamento tecnologico, letti al contrario in chiave retrospettica. Molto scemo, ma salvare qualsiasi clip in formato HD sarebbe stato molto meglio e decisamente più comodo. Peccato HD non esistesse fino a poco tempo fa.

Questo esercizio mi riporta anche ad affrontare il tema tra DSLR e camcorder, cioè tra macchina fotografica digitale di qualità capace di eccezionali riprese video e videocamera specializzata nei video e con limitate capacità fotografiche. Alla DSLR non intendo rinunciare. Mi farebbe quindi molto comodo essere qualitativamente in grado di fare buone riprese video con lo stesso dispositivo per tutta una serie oggettiva di vantaggi, compreso l’ingombro, il peso e la complicazione di girare con un secondo device. Le cose non stanno così, però. Il risultato è evidente: filmo molto meno di quanto dovrei, ricorrendo spesso all’iPhone per praticità e istantaneità nelle riprese.

Da sempre un cliente Canon – esistono altre marche? – ho visto questo recente annuncio che ha riportato il tema al centro dell’attenzione personale. Rimangono tutti gli svantaggi di sdoppiare su due dispositivi la produzione di fotografie e di video almeno dal punto di vista logistico e pratico. Chiaramente per un non professionista del settore, una videocamera semplifica grandemente la vita attraverso funzionalità intrinseche specificatamente concepite per eliminare o attenuare all’origine i difetti di chi filma, per esempio, senza un cavalletto.

Devo ragionarci sopra, comunque. Nonostante la proliferazione di nuovi modelli – Canon ha annunciato altre due novità sempre nel segmento pro-sumer di fascia superiore – rimane il dubbio che gli smartphones continuino a erodere dal basso il senso commerciale di questo genere di apparecchiature compensando la minore qualità tecnica con una praticità senza confronti. Indipendentemente però da considerazioni di mercato, da capire il reale vantaggio che un simile prodotto possa fornire per determinare se abbia effettivamente senso dotarsene. Serve prova su strada da fare da B&H a New York per poi acquistare da Amazon.com in modo da contribuire allo show-rooming! Curioso di fare il test drive. Nel frattempo, idee, suggerimenti, consigli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu