DieselNegli USA il carburante diesel non è molto diffuso e nemmeno particolarmente semplice da trovare nelle stazioni di servizio. Riservato ai mezzi di trasporto pesanti, nel segmento delle auto commerciali è praticamente inesistente. Conseguenza del rinnovato interesse dei consumatori americani per il MPG (Miles Per Gallon), considerare alternative diesel inizia ad avere un suo senso anche da queste parti sebbene non esista un vantaggio nel prezzo al gallone rispetto alla benzina. In Europa il discorso è quasi diametralmente opposto grazie anche a una generazione di propulsori di ultima concezione capaci di performance elevate, consumi contenuti e quasi totale scomparsa di quelli che era i difetti originari come rumorosità e vibrazioni. L’industria tedesca è probabilmente quella che raffinato meglio negli anni questa tecnologia e molte di loro stanno iniziando a proporre modelli diesel in aggiunta alle versioni a benzina.

Audi ha deciso di iniziare a condividere con i consumatori USA i benefici del diesel e per farlo ha scelto una forma di comunicazione molto sottile, divertente e gradevole nella forma e nella sostanza. Il commercial che vedete qui sotto ha catturato la mia attenzione al primo passaggio. In primo luogo ho colto la capacità di trasferire in modo estremamente evidente e piacevole la quasi estraneità del consumatore medio americano nei confronti della motorizzazione diesel. Emerge anche forte il contrasto tra la percezione di un bene pregiato quale un’Audi e il rischio di comprometterne seriamente il funzionamento. Al panico generale si contrappone la calma serafica della proprietaria, perfettamente consapevole della scelta fatta non solo al momento del rifornimento. Molto carino.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=amBTr9kcJes]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu